venerdì 26 novembre 2021

JUVENTUS-ATALANTA: LA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI

 

Alla vigilia della delicatissima sfida contro l'Atalanta, Massimiliano Allegri ha tenuto la consueta conferenza stampa della vigilia.

Per prima cosa, l'allenatore bianconero ha fatto chiarezza sulla situazione in infermeria che, lentamente, si sta svuotando: "Chiellini e Bernardeschi saranno a disposizione domani, De Sciglio sarà a disposizione martedì, Ramsey è ancora indisponibile. Dybala è in buone condizioni e credo che domani partirà dall'inizio. In questo momento si va avanti con la difesa a quattro".

Il mister è tornato a parlare della debacle di Londra in Champions League contro il Chelsea: "La squadra dopo una partita importante come quella contro la Lazio è arrivata a Londra e dopo un buon primo tempo si è sciolta, ma la partita da vincere, quella a Torino contro i campioni d'Europa, l'abbiamo vinta".


Riguardo il match contro l'Atalanta, decisivo per far rientrare la Juventus in corsa per il quarto posto, Allegri ha specificato che "le squadre di Gasperini giocano uomo a uomo a tutto campo, quindi è importante che il centravanti diventi il regista della squadra. Ci attende una grande sfida domani, poi dovremo affrontare bene le gare successive".

Sulle prestazioni altalenanti di Federico Chiesa, il mister ha detto che "con la Lazio ha fatto una buona partita, l'altra sera è stata una gara diversa, ma ha fatto buone cose anche a Londra. Tecnicamente è un giocatore di altissimo livello, la sua posizione è definita".

I dubbi di formazione sono ancora tanti, perciò l'allenatore non si è sbilanciato: "Non so la formazione che manderò in campo domani, ma sono contento di Arthur che è un professionista serio, ha entusiasmo e si mette sempre a disposizione della squadra. Questa è la cosa più importante".


Allegri dice la sua anche sul valore attuale della Juventus, dopo le diverse voci di mercato che si stanno susseguendo in questi giorni: "Siamo una squadra composta da giocatori di ottima qualità. Dobbiamo fare un percorso di crescita generale per migliorare i singoli giocatori e la squadra".

Un pensiero anche sul suo ritorno sulla panchina bianconera: "Il Presidente mi ha chiesto di tornare alla Juventus e collaborare con la società per far tornare la Juventus sostenibile ottenendo risultati. Ci metteremo tutto l'impegno perché questo succeda, la squadra ha bisogno di lavorare e ci vuole pazienza".

Infine, il mister esprime la sua idea su ciò che aspetta la Juventus: "Serve serenità per continuare a lavorare, la squadra è ottima. Abbiamo segnato meno gol di quelli che abbiamo nelle gambe fin qui e i numeri lo dimostrano. Il calcio si è evoluto, ma dalla differenza reti non si scappa: così si vincono i Campionati".


Nessun commento:

Posta un commento