mercoledì 8 dicembre 2021

JUVENTUS-MALMOE 1-0: COMMENTO E PAGELLE

 

Nell'ultimo match valido per il girone H di Champions League, la Juventus ha ottenuto il massimo con il minimo sforzo, grazie soprattutto all'impresa dello Zenit San Pietroburgo che ha fermato sul 3-3 il Chelsea e ha regalato ai bianconeri il primo posto nel girone. 

Credendo che il primato fosse ormai nelle mani del ChelseaAllegri ha optato per un massicio turn-over, mandando in campo anche il giovane De Winter, oltre che a rispolverare Perin in porta, Rugani in difesa, Arthur a centrocampo e Kean in attacco. 

I bianconeri sono scesi in campo senza troppe ansie, ma, essenzialmente, per divertirsi e sperimentare qualche nuova soluzione. D'altronde, il Malmoe non è avversario tale da poter impensierire la Juventus, così gli undici di Allegri hanno gestito il possesso e tenuto la palla, senza rischiare mai nulla.

Il vantaggio è arrivato dopo circa venti minuti del primo tempo, su una gran giocata di Bernardeschi che ha servito una palla deliziosa a Kean, il quale, con la complicità del portiere del Malmoe, l'ha buttata dentro di testa. 

Da questo momento in poi è stata una sorta di accademia, a tratti noiosa e stucchevole e la Juventus non è riuscita a portare altri pericoli alla porta avversaria. I giocatori sono parsi troppo pigri e superficiali, hanno sbagliato molto e hanno cercato sempre la giocata più facile, anziché rischiare qualcosa e migliorare i movimenti senza palla.


Nel secondo tempo il canovaccio non è cambiato e la manovra della Juventus è rimasta sempre troppo lenta e prevedibile. Anziché cercare di chiudere la partita, così da gestire aspettando notizie da San Pietroburgo, i bianconeri hanno continuato a giochicchiare, stimolando anche qualche fischio dagli spalti. 

Alcuni buoni tentativi, ma ancora troppi errori di deconcentrazione e un'inspiegabile pigrizia nelle giocate e nei movimenti in campo che hanno tenuto il ritmo del gioco sempre molto basso

Come già successo pochi giorni fa con il Genoa, si è evidenziata una cronica difficoltà a finalizzare le azioni offensive, ma stavolta, al contrario di quanto accaduto in Campionato, i principali responsabili sono i giocatori, incapaci di mettere la giusta cattiveria sotto porta. 

La Juve vince giocando male, nel nome della filosofia del "prima non prenderle" e vola agli ottavi di finale da prima nel girone. Tuttavia, non si può evitare di sottolineare l'ennesima prestazione sotto tono di una squadra ancora senza identità e con centrocampo e attacco da rifondare.



PAGELLE:

Perin 6: Voto giusto per la presenza, perché non viene mai impegnato. 

De Winter 6.5: Il diciannovenne gioca una partita molto interessante, proponendosi spesso sulla fascia e concedendosi anche qualche bella giocata. Dal 70' De Sciglio 6: Buon rientro dopo l'infortunio, un uomo in più sulla fascia ci serve. 

Bonucci 6: Serata di assoluto riposo, ma fa comunque sentire la sua presenza.

Rugani 6: Anche per lui una partita facile da gestire con il minimo sforzo. 

Alex Sandro 5.5: Si accontenta di eseguire il compitino, senza mai provare un'accelerazione o una giocata, quasi sempre passa la palla all'indietro.

Bentancur 5: Passeggia per il campo e ogni tanto riesce a giocare qualche palla elementare, sarà uscito in campo senza aver sudato. Dal 91' Miretti: SV

Arthur 6: È l'unico che a centrocampo cerca di tirare fuori qualche idea, ma anche lui sbaglia parecchio e spesso tiene troppo la palla. 

Rabiot 6: Ci mette più impegno del solito, ma di strada da fare ne ha ancora parecchia, forse troppa per meritarsi di indossare ancora la maglia della Juventus. 

Bernardeschi 6: La sufficienza se la merita per la deliziosa giocata che ha portato al gol di Kean, ma per il resto della partita ha commesso troppi errori. Dall'81' Cuadrado 6.5: Mette il suo brio in campo, approfittando della stanchezza degli altri giocatori, ma è un po' impreciso. 

Dybala 6: Gioca un discreto primo tempo, distribuendo palloni in ogni parte del campo, ma non va mai al tiro in porta, anche lui un po' pigro. Dal 46' Morata 4.5: Sbaglia, sbaglia e sbaglia ancora, davvero un periodo nero. 

Kean 6: Segna il gol della vittoria, ma ne sbaglia almeno altri due, sempre troppo caotico e nevrotico sotto porta. Dall'89' Da Graca: SV

Allegri 5: Decide di snobbare la partita, seppur il primo posto nel girone non fosse già deciso, ma lo Zenit lo salva, perché anche stasera la sua Juventus ha giocato male. 



Nessun commento:

Posta un commento